mercoledì 22 agosto 2012

718a PERDONANZA CELESTINIANA (seconda parte)

Coevo al rito del perdono é il CORTEO DELLA BOLLA, che come ogni anno si svolge il 28 di agosto. Il suo compito principale è quello di accompagnare la Bolla dell'indulgenza indetta da Celestino V dal Palazzo del Magistrato, oggi da Piazza Palazzo, che era sede del Comune, alla Basilica di Collemaggio. Tale rito ha anche un secondo significato, cioè quello di unire lo stato laico con quello cattolico. Difatti, in quella che è la rievocazione odierna, le autorità civili e quelle religiose accompagnano dame e cavalieri in costumi d'epoca, circa mille figuranti. Le figure principali del corteo sono: la DAMA DELLA BOLLA, la quale regge il cuscino su cui é posta la Bolla Celestiniana, e il GIOVIN SIGNORE, che porta un ramo d'ulivo che poi utlizzerà il cardinale, designato spalla Santa Sede, per aprire la Porta Santa. Il ramo serve proprio per dare i tre colpi alla Porta ordinando la sua apertura ufficiale. Altra figura importante é la DAMA DELLA CROCE, la quale porta un cuscino su cui é adagiata la croce che il sindaco dona a nome della cittadinanza al cardinale designato.
La Bolla del Perdono, dopo essere stata esposta per tutto il giorno, il 29 verrà nuovamente al Palazzo Civico, accompagnata ugualmente accompagnato da un corteo, ma con minor sfarzo.
Con questo si conclude il rito della Perdonanza.

E questa é... L'Aquila da vivere!!!

Nessun commento:

Posta un commento