martedì 30 agosto 2011

UN SOGNO CHE DIVENTA REALTA'!!!

Tratto da "il Corriere della sera"

LONDRA - NEW YORK ... SOLO ANDATA!
L'idea di unire Russia e America per via sotterrana esiste da oltre cento anni: già lo zar Nicola II sognava nel 1905 un tunnel che potesse collegare la punta più a ovest della Russia con gli Stati Uniti attraverso lo stretto di Bering. Sebbene quella visione sia stata più volte riproposta, i progetti sono sempre stati accantonati. Ora le cose potrebbero cambiare: la Russia ha infatti dato il via libera al tunnel sottomarino da 70 miliardi di euro, il più lungo del mondo, oltre il doppio dell'Eurotunnel sotto la Manica. In linea teorica, i passeggeri potrebbero in futuro salire in treno a Mosca e scendere a New York, non dimenticando però di mettere in valigia una buona dose di pazienza.
IL DOPPIO DELLA MANICA - Tra qualche decennio un tunnel lungo più di 104 chilometri sotto lo stretto di Bering potrebbe collegare l'emisfero orientale con quello occidentale. Il Cremlino ha dato luce verde al «progetto ferroviario più imponente di tutti i tempi», che permetterà un collegamento diretto tra la Russia e l'Alaska. Da oltre un secolo ingegneri e imprenditori aspettano impazienti questo tunnel. Anche lo zar Nicola II fantasticava con l’idea di collegare la Russia con il Nord America. Allora, nel mirino dello zar c’era l'Alaska ricca di materie prime che la Russia aveva «svenduto» agli americani nel 1867. Se i sogni di realizzazione di questo progetto fantascientifico svanirono quasi subito con la Rivoluzione russa e la Grande Guerra, i funzionari russi vogliono riprendere in mano quei piani. Come ha riferito nei giorni passati il Daily Mail, il Cremlino ha dato la sua benedizione al progetto: a sostenere l'idea sono alcuni dei massimi funzionari del presidente Dmitri Medvedev, tra i quali Aleksandr Levinthal, vice rappresentante federale nel distretto dell'estremo oriente russo. Secondo il tabloid inglese non ci sono più ragioni tecniche che impedirebbero la costruzione del tunnel sotto lo stretto. Un'infrastruttura, spiegano alcuni esperti, che renderebbe più economico, più sicuro e più rapido il trasporto delle merci che a oggi si sviluppa per mare, e il cui costo potrebbe essere ammortizzato in quindici anni dagli investitori.
VIAGGIO DI DUE SETTIMANE - Il tunnel potrebbe anche infrangere nuovi record per il trasporto passeggeri e permettere un collegamento ferroviario Londra-Mosca-New York. Tuttavia, i passeggeri si vedrebbero costretti a mettere in conto qualche incoveniente, per alcuni potenzialmente irritante: il Mail calcola infatti che un viaggio da Mosca a New York potrebbe comportare più di 14 giorni; da Londra, invece, sarebbero quasi quindici. ll tunnel collegherebbe la località di Uelen, in Russia, con il capo Principe di Galles in Alaska. In un primo passo Mosca vuole però estendere la rete ferroviaria in Siberia, in modo da consentire il collegamento con il tunnel: entro il 2013, infatti, la Transiberiana si estenderà di 804 chilometri a est fino alla città di Yakutsk, e di quasi 3.800 chilometri entro il 2030. Per completare effettivamente il tunnel servirebbero poi altri quindici anni. Anche sul versante statunitense, in Alaska, sarebbe necessario un ampliamento della rete ferroviaria. Infatti: finora non esiste una linea ferroviaria sulla costa occidentale dello Stato americano. Il link intercontinentale potrebbe in ogni modo far fronte a circa il 3% del trasporto merci globale.

4 commenti:

  1. Mamma mia che infrastruttura!!!!! E noi in Italia non riusciamo a fare manco la TAV.....

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che paura!! Pensa che io quando vado da Napoli in costiera amalfitana, ho sempre il terrore di trovare traffico sotto i piccoli tunnel del tragitto!! Figuriamoci lì!! Non potrei mai!;-)
    Baci

    RispondiElimina
  3. L'importante è partire, non importa la strada! Se uno parte già con il presupposto che trova traffico non arriverà da nessuna parte! Come quelli che "Dai domenica andiamo a fare una gita" - "Aspetta che guardo cosa dice il meteo" ... Al giorno d'oggi siamo troppo abituati a basarci su cosa ci dice la TV.Parto per la vacanza due giorni dopo perché prima piove, non mi metto in strada quel tale giorno perché c'è traffico ecc... Al di là di questo discorso, ci sono Paesi che a livello di infrastrutture sono molto avanti rispetto a noi, ma penso che dipenda molto dall'unione di diversi fattori, che vanno dalla politica alla situazione economica, alla cultura, al turismo etc...

    RispondiElimina
  4. non è che possiamo commissionare a questi costruttori anche la Salerno-Reggio Calabria??? Magari in 3-4 mesi la finiscono!!!

    RispondiElimina